Mozzarella di bufala Campana D.O.P.

Descrizione del prodotto
Mozzarella di Bufala Elementi di tipicità di questo formaggio fresco a pasta filata, sono soprattutto costituiti dalla materia prima impiegata, il latte fresco di bufala, particolarmente ricco in grasso e proteine, e dalla filatura, operazione consistente nel lavorare la pasta del formaggio a fine maturazione con acqua bollente fino a farla filare in modo da ottenere la particolare consistenza del prodotto finale e il bouquet determinato dalla microflora particolare che si sviluppa durante le varie fasi della lavorazione.
Area di produzione
L'area di produzione è localizzata nell'intero territorio delle province di Caserta e Salerno, ed in alcuni comuni della provincia di Napoli, Benevento, Frosinone, Latina, Roma. Negli ultimi decenni il patrimonio bufalino è notevolmente aumentato: attualmente si aggira intorno a 200.000 capi, di cui circa l'80% distribuito nell'ambito della Regione Campania ed il restante 20% dislocato nel basso Lazio, in Puglia, nelle isole ed in Toscana. Occorrono in media 4,2 lt. di latte per produrre un Kg. di mozzarella. Attualmente si producono circa 30.000 tonnellate di prodotto all'anno, in buona parte commercializzata con la Denominazione di Origine Protetta Mozzarella di Bufala Campana. Nel 2000 sono stati certificati dall'organo di controllo 19.350 tonnellate di Mozzarella di Bufala Campana DOP, prodotta da 98 caseifici in conformità con quanto previsto dal disciplinare sono stati controllati 90.800 tonnellate di latte bufalino. Il consumo presenta un trend positivo con un incremento annuo pari a circa il 10%. Si prevede alla fine del 2001 di certificare circa 2.500 tonn. di prodotto e 110 caseifici.
Registrazione
La mozzarella di bufala campana è stata riconosciuta il 17 Settembre '93 formaggio a denominazione d'origine (DO), ha ottenuto il 12.06.96 la registrazione della Denominazione d'Origine Protetta (DOP) ai sensi del Reg. CE 1236/96.
indietro

 
 
 
torna all'inizio del contenuto